Rigenerazione urbana: Il “Nuovo Centro sportivo Alessandro Croci” a Salsomaggiore (Parma)

Sabato 8 giugno a Salsomaggiore (Parma) si è tenuto il convegno “Sport è Città” organizzato dal Comune di Salsomaggiore e dal Politecnico di Milano per la promozione e la valorizzazione progettuale delle infrastrutture sportive quale bene collettivo promotore di senso civico ed aggregazione. Il nostro Studio ReCS Architects di Parma era presente con l’architetto Pier Maria Giordani, CEO e co-fondatore dello Studio stesso.

In particolare, ReCS è stato chiamato a sviluppare la sistemazione del “Centro sportivo Bertanella” che verrà in futuro intitolato ad Alessandro Croci, diciannovenne sportivo ed appassionato di calcio, che a Natale scorso ha perso la vita in un incidente stradale.

ReCS Architects ha sviluppato un progetto in cui le caratteristiche principali possono essere riassunte in cinque punti: un’occasione per creare rigenerazione urbana, la possibilità di un recupero edilizio, la creazione di spazi inclusivi e di aggregazione, il recupero e ampliamento delle strutture sportive esistenti, lo sviluppo di un nuovo polo all’interno della struttura urbana.

L’esperienza di ReCS Architects in progetti simili è dimostrata dai numerosi lavori che lo Studio da anni svolge in tutto il mondo: oltre all’Italia, in Brasile, Africa, Medio ed Estremo Oriente. Il know-how maturato da ReCS permette di affrontare interventi di medie e grandi dimensioni nelle metropoli ma anche progetti di “cucitura” nei tipici territori europei.


Open! Studi Aperti, RECS Architects espone “La Via della Seta”.

Venerdì 24 maggio 2019 a Parma, in occasione di Open! Studi Aperti, manifestazione promossa a livello nazionale dal Consiglio Nazionale degli Architetti PPC, lo Studio di Architettura RECS Architects ha esposto nei propri spazi i progetti internazionali seguendo un filo immaginario lungo “La Via della Seta”.

L’esposizione, curata dagli architetti Francesco Quadrelli e Filippo Gemmi , ha proposto ai propri Clienti e visitatori una personale Via della Seta a ritroso che, attraverso l’architettura, dall’Italia ha portato il team di ReCS Architects a lavorare e confrontarsi con mondi e culture diverse, dal Medio Oriente (Emirati di Dubai e Sharjah) sino alla Cina. Da qui il titolo simbolico dell’esposizione “La Via della Seta”: congiunzione tra Oriente ed Occidente, percorso lungo il quale sin dal 1° secolo a.c. avvenivano intensi scambi commerciali, dove tale “scambio” era anche l’occasione per scambi culturali che hanno avvicinarono due Mondi lontani.

Lo Studio RECS Architects ha fatto tanta strada da quando è nato nel 2011 a Parma nel quartiere San Leonardo. Dalla esperienza di tre architetti, Mario Scaffardi e Pier Maria Giordani di Parma e Chen Zhen primo docente cinese del Politecnico di Milano, RECS è cresciuto avendo sin dall’inizio una vocazione internazionale e soprattutto grazie a idee e coraggio. E proprio questo entusiasmo ha sostenuto RECS che nel 2019, oltre alla sede di Parma, annovera nel gruppo altri 3 importanti Studi in zone “cruciali” e di fermento per l’attività di architettura: Dubai (Emirati Arabi), Chengdu (Cina) e Belo Horizonte (Brasile).

Il team è composto da oltre 60 professionisti tra collaboratori e consulenti quali architetti, ingegneri, urbanisti e interior designers. E il numero è destinato a salire, vista la prossima apertura di altri due Studi RECS (uno in Italia ed uno negli Emirati Arabi).

L’esposizione dei progetti internazionali di RECS, grazie all’apprezzamento e l’interesse suscitato, continuerà in altri spazi espositivi in città.


Recs Architects invitato al Forum Perspective EU a Roma

Forum Perspective EU a Roma: 26-28 Maggio 2019

Anche quest’anno lo Studio Recs Architects è stato invitato al Forum Perspective organizzato dal gruppo editoriale “The Plan” https://www.theplan.it/ nel rinomato Waldorf Astoria Resort alle porte di Roma.

RECS è onorato di far parte di questo prestigioso Forum al quale viene chiamata a partecipare una selezione di Studi di architettura a livello nazionale.

Il forum “Perspective EU” rappresenta una rete globale per lo scambio professionale, di idee e tendenze tra aziende del settore edile e progettisti da tutt’Europa.


Archilecture Presents Zhen Chen

Il 23 maggio 2019 il professore Chen Zhen, CEO di RECS Cina, ha tenuto un seminario presso il Politecnico di Milano dal titolo “The Architecture of China in Ten Words”: Garden, Nature, Courtyard, Urbanization, Officiality, Vernacular, Radicalization, Copycat, Colonialism, Chineseness. Il professore Chen ha proposto un’ampia ed approfondita analisi del fenomeno della architettura e della città in Cina. La lecture è stata seguita con molto interesse da numerosi studenti del Politecnico. Eccovi un abstract del suo intervento:

Quoting from the title of Yu Hua’s short story collection “China in Ten Words”, the lecture tries to offer a panoramic review on the phenomenon of architecture and city in China.

Starting from the Identity issue, “Garden” reflects the particular landscape esthetics and living dream. “Nature” shows the primary philosophy in Chinese architecture and its pursuit of harmonizing with environment.

On the discussion of form, “Courtyard” demonstrates the vital way of organizing space in Chinese architecture. The “Urbanization” dramatically changes the territory of Chinese cities and countryside as the result of “reform and open up” policy, thus displays the general image of Chinese cities. 

To express the structure “Officiality” has been entitled to describe the architectural manifestation and the planning model of authoritarianism. “Vernacular” shows the opposite conditions and approaches, which together form the phenomenon of Chinese Urban-Rural Continuum.

The inflammation in China’s social tissue has been represented by the emotional reactions. The “Radicalization” displays the drastic collision of the images of magic realism of the recent rapid development on the background of the massive demolition and reconstruction, with caricatural buildings. In addition, the meaning of “Copycat” in China’s architecture might be different from its usage in western society.

Bring from the famous debate of “essence and form”, “Colonialism” narrates the strong input by the western culture after the opium war encountering Chinese architecture. Chineseness” is the long term puzzle for Chinese architects to achieve the Chinese way of modernity. Some special approaches of contemporary architectural practice demonstrate the character of Chinese identity.


ReCS Architects è lieta di invitarVi a Open! Studi Aperti

ReCS Architects è lieta di invitarVi a Open! Studi Aperti  https://studiaperti.com/recs-architects/ manifestazione promossa dal Consiglio Nazionale degli Architetti PPC.

Gli Architetti aprono i loro Studi al Pubblico il 24 e 25 maggio 2019: Open! Studi Aperti  accomunerà idealmente tutti gli studi italiani in un unico grande evento diffuso su tutto il territorio nazionale.

Nell’ambito di tale manifestazione gli studi di architettura apriranno contemporaneamente le loro porte al pubblico per far conoscere il mondo dell’architettura al grande pubblico e ai non addetti ai lavori.

Lo scopo principale è quello di far conoscere le specializzazioni e gli ambiti in cui operano i singoli studi e di stimolare gli stessi architetti a promuovere il proprio lavoro e la propria attività.

Con l’occasione ReCS Vi aspetta venerdì 24 maggio 2019 dalle ore 18 alle ore 20 – Via Alceste de Ambris, 4/a, Parma, alla Esposizione dei progetti internazionali di ReCS Architects

Curatore arch. Francesco Quadrelli, collaboratore arch. Filippo Gemmi

La Via della Seta – Progetti dall’Oriente

La ‘Via della Seta’ rappresenta gli intensi traffici commerciali, di cui la seta era il prodotto principale, intercorsi tra Oriente ed Occidente dal 1° secolo a.c. Ma il commercio è stato soprattutto l’occasione per scambi culturali che hanno avvicinato due Mondi lontani. ReCS Architects propone una personale Via della Seta a ritroso che, attraverso l’architettura, dall’ Italia ci ha portato a lavorare e confrontarci con Mondi e culture diverse dal Medio Oriente (Dubai e Sharjah) alla Cina.

Un viaggio per il Mondo attraverso alcuni dei nostri progetti e delle nostre esperienze.

Seguirà aperitivo.

Vi aspettiamo insieme ai nostri Partners:

FIANDRE | PLANET IDEA | SCARAMUZZA FABRIZIO | DIEFFELEGNO | ILLUMINARE | ELFER | TERMOBLOK | G.T.IMPIANTI | AB GLOBAL SERVICE


Esportiamo l'Architettura Made in Italy

Il Prof Zhen Chen, socio di ReCS Architects, è impegnato in una serie di conferenze nelle tre più importanti università di Architettura cinesi. Le conferenze trattano delle ultime opere architettoniche eseguite in Italia da Architetti Italiani, tra cui quelle di RECS Architects.

 

 


The Smart City Business America Congress

scba-29032016-manh-136_25540653604_o

CITIES WILL BE THE REAL POWER OF LIFESTYLE AND WORLD ECONOMY TRANSFORMATION IN THE NEXT DECADES

THE CHALLENGE OF SUSTAINABLE URBAN TRANSFORMATION

The construction of new urban complexes and the necessary transformations in the existing ones will generate various business possibilities in a global scale. The Smart City Business America Congress & Expo (SCBAC & E) is the place of convergence where experts and leaders of innovative initiatives and processing can intensify high-level relationships, share experiences, knowledge, ideas, different perspectives, solutions and successful cases.

Within this conference, the Arch. Antonella Marzi, associate and co-founder of Recs Architects, presented the concept PLANET. Planet is a project that has been designed by professionals, experts in urban planning and ‘smart utilities’, characterised by developments in the Smart City concept. The ‘smart’ city is now becoming more inclusive, opening up to a new target: low-medium income brackets. We're talking about the first SOCIAL SMART CITY in the world.

 

 


Inaugurazione prima piazza Smart d'Italia progettata da ReCS

29 Settembre 2016, ore 15:00 Piazza Risorgimento a Torino. Inaugurazione della Prima piazza Smart d'Italia realizzata da Planet Smart City su progetto di

ReCS Architects.


Sotto il carbone c'è il diamante.

Da tradizionale città mineraria alla Dickens, fuligginosa e senza grandi speranze di vita, a città del futuro: ecologica, verde, intelligente, inclusiva, piacevole, vitale. È questo l’obiettivo della riqualificazione urbana di un’area di oltre 13 chilometri quadrati a Baotou, di cui lo studio parmigiano RE-CitySize Architects & Planners ha fornito nel 2011 la strategia globale dell’intervento.