• smart-city-633x350

    Rigenerazione urbana, il Governo approva il bando da 500 milioni di euro

    By Samuele Camolese | giu 7th, 2016 | Reblog | 0 Comments

     

    Lo scorso 25 maggio è arrivo il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) per l’approvazione definitiva del bando con il quale sono definiti le modalità e la procedura di presentazione dei progetti per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta.

    Si tratta dell’atteso bando da 500 milioni di euro che permetterà di procedere per:

    • interventi di miglioramento della qualità del decoro urbano;
    • di manutenzione, di riuso e di rifunzionalizzazione delle aree pubbliche e delle strutture edilizie esistenti;
    • interventi sulla sicurezza territoriale;
    • interventi per il potenziamento di prestazioni e servizi e di realizzazione di nuovi modelli di welfare metropolitano e urbano e interventi per mobilità sostenibile e attività culturali ed educative.

    È un’occasione importante e imperdibile di ripensare in modo strategico alla trasformazione urbanistica delle nostre Città”, ha affermato soddisfatto per la firma del bando il sindaco di Firenze e coordinatore delle Città metropolitane dell’Associazione nazionale Comuni italiani (Anci), Dario Nardella.

    Un provvedimento grazie a cui si potranno finanziare “progetti fino a 40 milioni per il territorio delle Città metropolitane e 18 milioni per i Comuni capoluogo di provincia e di Regione” e che “grazie alle proposte migliorative dell’Associazione – ha precisato Nardella – contiene importanti elementi innovativi, sia di natura procedimentale che finanziaria”.

    Tale importante decisione – aggiunge il coordinatore Anci delle Città metropolitane –costituirà un’opportunità concreta di redigere progetti capaci di mettere a sistema i diversi obiettivi indicati dal bando, in una visione integrata e sinergica con i contesti economici e sociali delle realtà periferiche”.

    ANCI e Acri”, si legge in una nota dell’Associazione, “hanno sottoscritto un protocollo per stimolare l’integrazione di idee e risorse pubbliche e private”.

    Siamo sulla strada giusta – si legge nel comunicato – monitoreremo come ANCI l’attuazione di questa importante misura, che ritengo debba diventare strutturale soprattutto alla luce del ruolo di coordinamento strategico delle Città metropolitane come motori di innovazione e di sviluppo delle aree avanzate del Paese”.